Ergastolo in appello per il duplice omicidio nelle campagne di Gorgoglione (MT)

L’accusato nella sentenza di primo grado era stato condannato a 24 anni

Il ritrovamento dei corpi (tra Gorgoglione e Cirigliano)

Il ritrovamento dei corpi (tra Gorgoglione e Cirigliano)

La Corte d’Appello di Potenza ha condannato all’ergastolo Antonio Saponara, accusato di un duplice omicidio avvenuto nel 2014 nelle campagne tra Gorgoglione e Cirigliano; in primo grado, al termine di un processo celebrato con il rito abbreviato, l’uomo era stato condannato a 24 anni di reclusione.

I giudici hanno accolto la richiesta di condanna all’ ergastolo formulata dalla Procura lo scorso febbraio. A maggio del 2014 due uomini, Giovanni Lauria e il nipote, Giuseppe De Rosa, furono uccisi con alcuni colpi di fucile nelle campagne della zona: secondo quanto emerse dalle indagini, i due furono assassinati per motivi banali, collegati alla loro attività di allevatori, e per questioni legate ai confini tra alcuni terreni. Saponara era il cognato di Lauria, e con i due, al momento della sparatoria, era anche presente un terzo uomo, che fu però “graziato”.

Share Button