Export Ortofrutta lucana, una delegazione cinese in visita nel metapontino

Schermata 2015-11-17 alle 20.19.24Scanzano Jonico – E’ stato un incontro di tipo conoscitivo quello che si è tenuto a Scanzano tra una delegazione governativa della Repubblica popolare cinese ed Assofruit, realtà associativa lucana che raggruppa tra Basilicata, Puglia, Campania e Calabria circa 293 aziende. Obiettivo dell’iniziativa: convincere i rappresentanti del Sol Levante a scegliere i prodotti lucani tra quelli da importare nel loro paese.  “Una occasione da non perdere – ha sottolineato l’Assessore all’agricoltura della Regione Basilicata Luca Braia;  il 23% dell’ortofrutta che i cinesi consumano, infatti, è d’importazione e considerata la popolosità della loro zona stiamo parlando di numeri davvero ragguardevoli”. Tra i prodotti di maggiore interesse per la delegazione cinese: gli agrumi e i kiwi, rispetto ai quali oltre alla qualità della primizia cercano l’osservanza di un preciso disciplinare fitosanitario. Di questo infatti hanno discusso con i tecnici del Dipartimento agricoltura della Regione Basilicata. Tra i progetti di contesto emersi nell’ambito della mattinata del 17 novembre quello di trasformare la Valbasento – ha detto Braia – più precisamente una zona nel territorio di Ferrandina, in una vera e proprio piattaforma logistica per l’export, approfittando anche della vicinanza con il porto di Taranto.

Share Button