Mercoledì 18 novembre inizia il processo a Gianni Fabbris e ad altri 14 agricoltori

Gianni FabbrisIl 18 novembre 2015 inizia il processo a Gianni Fabbris ed a altri 14 agricoltori e cittadini accusati di rapina e estorsione aggravate per aver condotto la difesa sindacale di una azienda agricola comprata all’asta e colpita da sciacallaggio sociale. I movimenti rurali lucani e pugliesi si riuniscono per lanciare la campagna di sostegno a Mateponto, nella Sala Parrocchiale della Chiesa del Borgo, alle ore 18,30, di lunedì 16 novembre. Mercoledi 18 novembre 2015 inizia il processo, fa sapere, in una nota, Gianni Fabbris, (coordinatore nazionale di Altragricoltura e portavoce del Comitato terreJoniche ed ora del Movimento Riscatto), Con lui anche altri 14 agricoltori, in un processo, si legge ancora, voluto dalla Procura della Repubblica di Matera che accusa, ribadisce, i contadini lucani e pugliesi di rapina aggravata ed estorsione aggravata per aver difeso sindacalmente l’azienda agricola di Leonardo Conte e diverse altre dallo sciacallaggio di chi, approfittando di una crisi terribile e nell’inerzia delle istituzioni, cerca di mettere le mani sulle terre, il lavoro e le vite delle famiglie contadine. Nei 15 mesi che sono seguiti agli episodi consumati ad agosto 2014, ribadisce ancora Fabbris, il movimento ha continuato a sviluppare il proprio lavoro, a difendere i diritti, a denunciare la crisi, a proporre soluzioni senza accettare il piano della criminalizzazione e senza farsi intimidire, dando prova, al contrario di avere il consenso dei cittadini e delle istituzioni.

Share Button