“Il Pd non è solo Matteo Renzi”. Speranza racconta la sua idea di Pd e d’Italia.

Speranza“Il Pd non è solo Matteo Renzi. Il Pd dev’essere una grande comunità”. Lo ha detto chiaramente ieri Roberto Speranza, parlamentare lucano ed ex capogruppo alla Camera, durante l’iniziativa politica dal titolo “L’Italia che vogliamo, il Pd che vogliamo, che si è svolta a Roma nel pomeriggio. Una posizione netta che decreta Speranza “leader-anti Renzi”, come la stampa nazionale oggi rimarca. “Il nostro partito va profondamente ricostruito – ha detto Speranza dal Centro Congressi Eventi nei pressi di Piazza di Spagna – E’ illusorio consegnare tutto alla leadership, che da sola non basta. Serve un grande soggetto collettivo, autonomo, ed autorevole”. E che il Partito Democratico debba essere “una grande comunità”, il leader della minoranza dem lo ha ribadito più volte nel suo discorso durato 55 minuti. Speranza ha aperto il suo intervento sottolineando la “necessità di una vera e propria ripartenza politica”, perché “bisogna riconoscere – ha detto – che ci sono cose che non vanno e che vanno cambiate”. Ha tracciato poi il quadro europeo, per arrivare all’analisi politica degli ultimi mesi. Jobs act, scuola e legge elettorale, tre errori di Renzi, legati – secondo Speranza – dal file rouge del metodo, dell’approccio utilizzato dal premier, che – a sentire bene le sue parole – non darebbe ascolto a chi ha dubbi, asfaltando i corpi intermedi. Che il modus operandi di Renzi sia dunque poco di sinistra? Di fatto Speranza ha detto “Non dobbiamo avere paura di parlare di sinistra”. Insomma, chiara e netta posizione quella del parlamentare lucano che si è detto pronto “ad una discussione vera”. In sala circa 500 persone, tra cui Gianni Cuperlo. E tra i politici lucani c’era l’onorevole Folino, il consigliere regionale, Cifarelli, il Presidente del Consiglio regionale, Lacorazza e il segretario provinciale, Molinari. Perché anche in Basilicata  il confine tra “renziani e non” inizia a delinearsi con maggior precisione. E per quello si aspetta l’istantanea del 5 luglio, quando ci sarà la Direzione del Pd lucano.