Furti in varie regioni italiane, in particolare a Lagonegro: eseguiti altri arresti

furtiLAGONEGRO – I Carabinieri hanno arrestato oggi undici componenti di una banda – composta in prevalenza da romeni – specializzata nel compiere furti ”in serie”, anche nella stessa notte, in case di campagna, aziende agricole e industriali in Basilicata – in particolare nella zona di Lagonegro (Potenza), dove sono cominciate le indagini – Campania, Lazio ed Emilia-Romagna.

Stamani, i militari hanno notificato sette ordinanze a persone già detenute, ne hanno eseguite altre cinque (compresa una che comporta l’obbligo di firma per l’indagato) e stanno cercando sei componenti della banda, al momento non rintracciati.

Le accuse sono quelle di associazione per delinquere finalizzata ai furti e ricettazione. Obiettivo dei ladri, in particolare nelle aziende industriali, era il rame: nelle abitazioni e nelle aziende agricole, invece, la banda rubava di tutto, dai soldi agli oggetti preziosi, dalle attrezzature al gasolio.

La merce veniva poi rivenduta nella zona di Napoli. I furti – che avvenivano anche se nelle case erano presenti i proprietari, che non hanno subito violenze fisiche – sono cominciati nel 2013 e sono proseguiti fino ai giorni scorsi: i Carabinieri hanno ricostruito il modo di operare della banda partendo da un ”colpo” fatto nel Lagonegrese.

E’ emerso il quadro di una banda i cui componenti si muovevano velocemente, a bordo di auto di grossa cilindrata, per rubare in zone diverse nella stessa notte: gli arrestati sarebbero responsabili di furti compiuti anche all’estero. Il 7 febbraio scorso i militari eseguirono i primi sette arresti, altri due indagati furono bloccati a Genova alcuni giorni dopo.

Share Button