Un anno e otto mesi. Condannati 4 consiglieri regionali. Due sono tutt’ora in carica.

Schermata 2013-04-10 alle 17.29.23L’inchiesta risale al maggio del 2005, era l’epoca del Pubblico Ministero Henry John Woodcock, successivamente trasferito da Potenza a Napoli.

Quattro consiglieri regionali della passata legislatura, secondo il Tribunale di Potenza, hanno tra il maggio 2005 e fine 2008 percepito indebitamente rimborsi chilometrici dovuto a chi ha una residenza diversa da quella della sede del consiglio regionale, ovvero Potenza.

Scatta dunque la condanna per falso e truffa (con pena sospesa) per Franco Mattia, Prospero De Franchi, Giacomo Nardiello e Franco Mollica attualmente in quota UDC dato tra i papabili assessori nella prossima giunta regionale.

E proprio questi annunciando il ricorso in appello ha inviato un primo commento: “Ho il massimo rispetto per la giustizia, ma francamente non riesco a comprendere la ‘ratio’ di una sentenza di condanna come quella emessa oggi dal tribunale di Potenza dopo che il pubblico ministero che ha condotto l’inchiesta aveva chiesto l’assoluzione ‘perche’ il fatto non sussisté”.

Secondo l’accusa, la residenza dichiarata dai quattro consigliere sarebbe fittizia, dal momento che tutti in realtà avrebbero vissuto stabilmente a Potenza.

I rimborsi dunque, tra i 24 mila e i 19 mila euro in totale, secondo le norme del 2002, successivamente abolite, erano forfettari e calcolati sulla distanza chilometrica per 18 riunioni mensili.

Il lavoro effettuato dagli investigatori è ha interessato il periodo compreso tra il 2004 e il 2009 dove hanno vagliato le utenze, cellulari e spostamenti. Per il periodo tra aprile 2004 e maggio 2005 è intervenuta la prescrizione.

Dopo il trasferimento di Woodcock, il fascicolo è passato al PM Marotta, che in aula, prima della camera di consiglio, aveva chiesto l’assoluzione (“perché il fatto non sussiste”).

Conseguentemente alla lettura da parte del giudice Gubitosi del dispositivo tutti si sono detti “sconcertati” e alcuni hanno anche parlato di “sentenza politica”. Come Franco Mattia del PDL: Una sentenza “condizionata da pregiudizi sui politici” e che “risente, sicuramente, del diffuso clima di antipolitica”

Share Button