Matera, altamurani dispersi: ritrovati solo un borsone e una giacca

L'automobile ritrovata

MATERA – Sono trascorse ormai ventiquattr’ore da quando un canale confluente nel torrente Ciccolocane, esondato nei pressi di borgo Venusio, a Matera, ha travolto, inghiottendola, una Wolkswagen Golf bianca con a bordo Carlo Masiello, 87 anni, e sua figlia Rosa, di 44, entrambi di Altamura, che risultano ancora dispersi. Di loro, nonostante le ricerche di Vigili del Fuoco, Protezione civile e Carabinieri, anche con l’ausilio di due elicotteri e squadre Saf, speleo-alpino-fluviali, nessuna traccia. Oltre all’auto, ritrovata la scorsa notte a circa un chilometro il linea d’aria dal punto in cui è avvenuto il fatto, nello stesso canale, capovolta nel fango, vuota e con la portiera sinistra aperta e piena di acqua, pietre e detriti, questo pomeriggio, 800 metri più avanti, sono stati prima avvistati dall’alto, e poi recuperati sul posto, un borsone e un giubbotto appartenenti ai dispersi perché riconosciuti dai parenti e dagli amici dei due che da ieri setacciano quei luoghi, scossi e in lacrime, seguendo gli addetti ai lavori. Le speranze di ritrovarli vivi però, ormai, sono quasi inesistenti. Dalle ricerche aeree i Carabinieri e i Vigili del Fuoco hanno individuato aree da battere più a fondo domattina, con la luce del giorno. Poco prima che il buio ne impedisse il prosieguo, le esplorazioni si sono fermate all’imbocco del torrente Gravina, in località Pantano, nei pressi del cimitero di Matera, dove confluisce il Ciccolocane. Le ricerche riprenderanno proprio da lì, nei pressi di un canneto. I corpi di Carlo e Rosa Masiello, infatti, potrebbero essere bloccati e in parte nascosti da vegetazione e detriti accumulatisi per la furia dell’acqua ieri. Tutti gli elementi raccolti oggi, in ogni caso, sono stati inseriti in una prima relazione che i Carabinieri consegneranno all’autorità giudiziaria. Padre e figlia, ieri, avevano trascorso una giornata in campagna con numerosi parenti e amici. Quando la pioggia, nel tardo pomeriggio, ha cominciato a cadere con forte intensità, tutti hanno deciso di tornare ad Altamura ma la Golf guidata dal marito di Rosa Masiello, per uno smottamento della strada che stava percorrendo, è scivolata in un canale che finisce nel torrente ed è stata travolta. L’uomo, purtroppo, ha fatto in tempo a mettere in salvo solo le due nipotine ma non ha potuto impedire che la corrente portasse via la vettura su cui si trovavano ancora la moglie e il suocero.

Share Button