Matera, il Consiglio comunale prosegue i lavori per l’approvazione del Regolamento Urbanistico

Prosegue in Consiglio comunale il percorso in vista dell’approvazione definitiva del regolamento urbanistico

Al centro dei lavori odierni le osservazioni 23, che tra le cose sono relative a varianti, permessi a costruire e Piano Casa.

La conta dei presenti all’assemblea comunale materana, dopo la prima convocazione sciolta mercoledì per mancanza del numero legale, consente l’avvio dei lavori incentrati sul Regolamento Urbanistico.

Prima di entrare nel vivo, prende la parola il sindaco De Ruggieri per condividere i saluti di Giuseppe Guzzetti (noto avvocato e filantropo italiano, già presidente della Regione Lombardia e della Fondazione Cariplo, attualmente alla guida dell’Associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio), il quale nel corso di una telefonata si è complimentato “per la qualità che Matera sta esprimendo negli ultimi anni”.

Molti gli interventi di carattere generale dei consiglieri che, prima di entrare nel merito delle osservazioni di natura tecnica, hanno ricordato con diverse sfumature il gran ritardo che porta solo quest’anno – dopo un lavoro cominciato nel 2007 – all’approvazione del regolamento urbanistico.

Lo hanno fatto ad esempio i consiglieri Pietro Iacovone (PD), Michele Paterino e Angelo Cotugno (Matera Capitale con De Ruggieri Sindaco) oltre allo stesso presidente della competente commissione consiliare, Paolo Manicone (Osiamo per Matera) il quale ha anche ricordato di essersi fatto portavoce della richiesta rivolta all’architetto pianificatore del regolamento, Francesco Nigro, di rendere il più chiare possibili le schede e le “norme tecniche di attuazione”.

“Meglio avere un regolamento che si possa prestare a qualche difficoltà interpretativa che non averne” aggiunge Salvatore Adduce. “Quanto accaduto in tutti questi anni in Città sul fronte urbanistico” ricorda il capogruppo dem stimolando i colleghi ad accellerare i lavori “è stato causato proprio dall’assenza dello strumento che stiamo per approvare”.

Il calendario dei lavori, condiviso dal presidente dell’assemblea Angelo Tortorelli prevede altre due convocazioni l’11 e il 12 dicembre prossimi.