Matera. Il consigliere Pedicini denuncia il degrado del parcheggio in viale delle Nazioni Unite


Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.trmtv.it/home/home/wp-content/plugins/new-royalslider/classes/rsgenerator/NewRoyalSliderGenerator.php on line 339
Parcheggio viale delle Nazioni Unite - Matera

Parcheggio viale delle Nazioni Unite – Matera

MATERA – “E’ evidente come il comune di Matera abbia cura del suo patrimonio, di come spenda i soldi dei cittadini, le verità sono sotto gli occhi di tutti, lì a due passi dalla sua sede istituzionale giace una struttura costata 7 milioni di euro e nonostante l’estrema vicinanza nessuno ne ha cura, del resto stessa sorte tocca a tutte le strutture pubbliche che assessori e sindaco falsamente definiscono completate”.

Con queste parole il consigliere comunale di centro-destra, Adriano Pedicini, accompagna un accurato reportage fotografico (allegato in coda all’articolo) che testimonia lo stato in cui versa il parcheggio di viale delle Nazioni Unite.

“L’accesso assicurato da una rete di cantiere è stata divelta, l’ingresso consentito a tutti, in particolar modo a mascalzoni” prosegue Pedicini “all’interno centinaia di estintori svuotati, molti verosimilmente rubati, strappati dalle pareti, vetri rotti, impianti antincendio demoliti, un imbarbarimento ed una sporcizia totale circonda la struttura. Si ha la netta impressione di come il denaro pubblico sia dissipato, dilapidato nel peggiore dei modi; di come le strutture pronte per essere utilizzate rimangano nella tristezza della visione dell’impotente cittadino”.

“Da anni questa pregevole struttura sita nel pieno centro direzionale, inaugurata dall’amministrazione del sindaco Porcari nel 2007, subito pronta ad entrare in funzione, disponibile a risolvere la penuria di parcheggi e disciplinare il traffico caotico della zona, ancora oggi è inutile; di come riposi priva di vita quale impotente gigante di cemento armato. Dopo vari interventi e annunci per l’imminente entrata in funzione risulta chiusa, con le luci accese, meta di delinquenti, di saccheggiatori che hanno distrutto e depredato ogni cosa utile producendo un danno grave alla comunità. Un opera importante che si proponeva di essere punto di riferimento anche per spettacoli e manifestazioni pubbliche, che avrebbe aumentato ulteriormente la disponibilità di spazi a favore della città e della qualità delle aree di aggregazione. Si sviluppa su 4 livelli di 4800 mq ciascuno, ha una disponibilità complessiva di 600 posti auto, realizzato con fondi regionali per 6 milioni 450 mila euro, si prospettava, sin dal 2007 dopo i conclusivi collaudi, una immediata apertura al pubblico. Cosa mai verificata perchè questa incapace amministrazione sa solo annunciare, nelle sue infinite conferenze stampa incombenti aperture che nella realtà sostano solo nelle chiacchiere. Nel 2011 il comune di Matera ha affidato lavori per 280 mila euro per la sistemazione degli impianti, gli stessi che oggi appaiono demoliti; quelli per i quali ci vorranno ulteriori fondi per riparare. Un totale cinismo attanaglia il governo della città, una incapacità senza pari, non solo nel non saper portare a termine il programma ma soprattutto nel produrre danni enormi al patrimonio, oltraggi che come al solito i cittadini dovranno pagare. Alla città affido le immagini di questa protesta che assicuro si farà sentire con tenacia nei luoghi deputati alla gestione della città”.

Share Button