Festival Città delle Cento Scale. A Potenza Roger Bernat in “La Consagración de la primavera”

Festival Città Cento ScalePOTENZA – Una palestra cittadina, la Vito Lepore di Rione Poggio Tre Galli a Potenza, si è trasformata ieri sera in un palcoscenico per ospitare un nuovo appuntamento del Festival Città dello Cento Scale, promosso dall’Associazione Basilicata 1799. Ad esibirsi in un insolito scenario cittadino Roger Bernat, artista catalano conosciuto come inventore delle “macchine invisibili”, che ha dato vita ad una performance collettiva nella quale ha rovesciato il rapporto attore/spettore.

Bernat infatti nel mettere in scena la sua versione danzata della Sagra della Primavera ha chiesto al pubblico di indossare una cuffia audio attraverso la quale ognuno ha ricevuto delle indicazioni e in un batter d’occhio si è ritrovato a danzare la Sagra di Pina Baush.

Per il pubblico infatti nessuna sedia. Ma non si pensi ad una lezione di danza collettiva: ogni spettatore, tra inquietudine e complicità, ha avuto istruzioni diverse, diventando esso stesso protagonista della scena.

Uno spettacolo particolare ed affascinante dunque quello di ieri sera, inserito nella sezione “Rito/Comunità” del cartellone di danza urbana e arti performative del Festival, capace con i suoi eventi di stupire sempre il pubblico e invitarlo ad essere attore in prima persona dell’arte e della cultura.