Comportamenti violenti a Scuola. Basilicata è la più virtuosa, ma le punizioni sono leggere

Tra lanci di oggetti, violenza verbale e aggressioni fisiche le scuole sembrano essere diventate arene di combattimento

Skuola.net ha analizzato la situazione attraverso i dati contenuti nei Rav (Rapporti di autovalutazione) di 18 scuole secondarie di secondo grado di 18 diverse regioni italiane.

Comportamenti violenti a Scuola. La Basilicata è la più virtuosa, ma le punizioni sono leggere. Skuola.net ha analizzato la situazione attraverso i dati contenuti nei Rav (Rapporti di autovalutazione) di 18 scuole secondarie di secondo grado di 18 diverse regioni italiane. Osservando, infatti, i Rav che i singoli istituti devono compilare si può capire quanto è diffusa e come è distribuita la violenza nelle varie regioni. Ma, soprattutto, come rispondono presidi e corpo docente. E dunque, in più della metà delle scuole italiane – poco più del 58% – si è verificato almeno un episodio di violenza sanzionato dalla scuola. Passando alle singole regioni, il primato della litigiosità lo detiene l’Emilia-Romagna (con il 66% delle scuole che riporta casi di violenza), seguita da Abruzzo (65,5%) e Toscana (65,1%). Tra le più virtuose, invece, spiccano la Basilicata (comportamenti violenti riscontrati nel 34,3% degli istituti) e il Molise (35%), regioni più piccole e quindi con minori probabilità di problemi; infine la Calabria (48,1% di casi di violenza). Dai Rav emergono, però, anche i dati relativi alle punizioni che vengono somministrate. Nella quasi totalità delle regioni si prendono sempre provvedimenti: su scala nazionale, solo lo 0,30% degli istituti italiani fa finta di niente. La passività maggiore si registra in Veneto, ma è una percentuale comunque minima (1,1%). Come quella delle altre regioni in cui le scuole reagiscono di meno: Puglia (1%), Campania (0,8%) e Lombardia (0,3%). Punizioni che possono essere di vario genere. Su scala nazionale, nel 31,3% dei casi (la maggioranza) sono di tipo interlocutorio, semplici richiami verbali o provvedimenti blandi mirati più a far comprendere lo sbaglio che a condannare. Nel 18,20% dei casi, invece, si passa a vere e proprie sanzioni; che possono andare dalla nota sul registro fino alla denuncia. A livello regionale, sono Abruzzo (27,3%), Campania (22,6%), Toscana (22,4%) le aree in cui prevale la ‘mano pesante’ e vengono presi maggiormente provvedimenti di tipo sanzionatorio. All’altro capo della classifica, in questo senso, troviamo invece Basilicata (11,4%), Lombardia (12,7%) e Veneto (14,3%), regioni in cui si interviene meno a livello pratico.

 

Share Button