Don Ciotti a Bari: “Le baby gang si combattono a scuola ma l’Italia investe troppo poco”

Il simbolo di Libera ha incontrato gli studenti e ha partecipato alla Commissione antimafia in consiglio regionale

L’Italia non investe abbastanza su bambini e infanzia, ma sarebbe l’unico modo per evitare che i ragazzi finiscano nelle mani della criminalità. Lo ha detto a Bari don Luigi Ciotti, che ha incontrato gli studenti e i consiglieri regionali.

La mafia si combatte con la scuola e la cultura, ma bisogna investire di più su infanzia e ragazzi. Il presidente di Libera don Luigi Ciotti arriva in Puglia e riparte proprio dalle scuole, prima di partecipare alla seduta della Commissione Antimafia del Consiglio regionale a Bari in vista dell’evento nazionale di Libera previsto a Foggia il 21 marzo. Antimafia sociale fondamentale, ma il tasto su cui batte don Ciotti è sempre quello: educazione, educazione, educazione.