Dalla tragedia alla speranza: il ricordo di Enrico Castellano vivrà in due premi di laurea

La famiglia di una delle 23 vittime dello scontro ferroviario tra Andria e Corato di un anno fa scommette sul futuro

Nonno Ico non c’è più. Come altre 22 vite, spezzate in una mattina di luglio nelle campagne tra Andria e Corato in un incidente assurdo. Per Giuseppe Castellano, che in quella tragedia perse il padre, la cosa più difficile fu proprio raccontare ai suoi figli che il nonno non sarebbe più tornato a casa. Dodici mesi dopo il dolore è lo stesso, perché il dolore non se ne va mai. Ma insieme alla moglie Tiziana Lanciano ha deciso di provare a investire nel futuro, proponendo all’Università, e finanziandoli, due premi di laurea destinati alle migliori tesi del master in Psicologia Giuridica che si occuperanno del danno biologico.

Un’iniziativa che l’Università di Bari ha accolto e sostenuto immediatamente.

Share Button