Potentino accoglie l’Agenda Ritrovata di Borsellino

Rossa, come il sangue versato da coloro i quali hanno provato a contrastare la mafia ed altre forme d’illegalità, pagando a caro prezzo con la vita. Tra essi anche il giudice Paolo Borsellino, a 25 anni dalla scomparsa, ricordato con invito a riflettere, attraverso una ciclopasseggiata iniziata da Milano e arrivo in Sicilia, per volere dell’Associazione culturale L’Orablù di Bollate. Tappa lucana anche a Picerno e Potenza, dove un gruppo di 13 privati coordinati dall’Associazione Ciclostile, affiliata alla Federazione Italiana Amici della Bicicletta Onlus, ha svolto una due giorni tra laboratori dedicati ai più piccoli e accoglienza dei tedofori per la ripartenza verso Bari.

L’agenda originale sparì misteriosamente subito dopo l’attentato in cui persero la vita il magistrato e la sua scorta. Si è tanto vociferato del suo contenuto, forse, rivelazioni scomode sulla strage di Capaci in cui morì il collega Giovanni Falcone.

Share Button