Il nuovo anno e le feste comandate. Per chi un lavoro ce l’ha

Un dato, spesso poco citato quando si parla di produttività nazionale è quello relativo alle cosiddette “feste comandate”. Il 2016 infatti se lo si guarda dal punto di vista di chi un lavoro ce l’ha non è stato proprio un anno “eccezionale”.

Gran parte delle festività sono “cadute” di sabato e domenica, a titolo di esempio il primo maggio lo scorso anno era proprio domenica.

Ci uniamo agli auguri del presidente Mattarella che nel messaggio di fine anno ha detto che “non potremo sentirci appagati finché il lavoro, con la sua giusta retribuzione, non consentirà a tutti di sentirsi pienamente cittadini”.

Chi lavora invece è sicuramente interessato al calendario del 2017, perchè dal punto di vista delle feste comandate andrà decisamente meglio a partire dal prossimo 6 gennaio, che capita di martedì, come pure il 25 aprile (Festa della Liberazione).

Il primo maggio, Festa del Lavoro quest’anno sarà di lunedì mentre le celebrazioni della Festa della Repubblica del 2 giugno ricorrono di venerdì. Il primo novembre cade di mercoledì e l’8 dicembre di venerdì. Natale e Santo Stefano quest’anno arriverano di lunedì e martedì.

Calendario alla mano si possono iniziare dunque a programmare ponti e vacanze per questo nuovo 2017.

Share Button