A Bruxelles il terzo incontro di monitoraggio tra la fondazione Matera-Basilicata 2019 e la Commissione Europea

È terminato alle 17 di mercoledì nella sede della direzione generale cultura a Bruxelles l’incontro di monitoraggio tra la fondazione Matera Basilicata 2019 e la commissione europea. A comporre la delegazione materana: la presidente Aurelia Sole, il vicepresidente Angelo Tortorelli, il direttore Paolo Verri, la responsabile relazioni internazionali Rossella Tarantino ed il delegato per il Governo Simone Tani. Soddisfazione è stata espressa al termine dell’incontro dalla Sole per il dialogo avuto con il panel di monitoraggio che in oltre due ore ha messo a fuoco le urgenze che si dovranno affrontare per organizzare al meglio la capitale europea della Cultura 2019 e anche i punti di forza e di debolezza segnalati. In particolare, ha sottolineato la presidente Sole, il panel ha apprezzato il fatto che la fondazione abbia il novanta per cento del budget approvato e sicuro e abbia avviato alcuni dei progetti fondamentali del dossier tra cui l’open design school e d il percorso di build up. Ha invece spronato a velocizzare i processi di selezione del personale necessario a realizzare le attività previste e snellire al massimo la governance della fondazione, focalizzandola sulla realizzazione del dossier. Ampia rappresentanza alla business community regionale è stata data dal presidente della Cccia di Matera Tortorelli e molte le domande sul tema delle infrastrutture rivolte in particolare al consigliere per lo sviluppo economico del governo Simone Tani. Il panel è stato favorevolmente impressionato dall’accordo raggiunto con Invitalia e più in generale dall’impegno che il Governo ed in particolare il Mibact stanno dedicando a Matera; Tani lo ha definito come modello laboratorio di innovazione per lo sviluppo sostenibile del nostro sud. Paolo Verri presentando come sarà ripartito il programma del 2019 e quali saranno le azioni per coinvolgere al meglio gli sponsor privati ha colto l’occasione per ringraziare i cittadini materani: vero motore ed elemento di motivazione positiva di tutto il percorso che ancora si deve compiere da qui al 2019.