Scuola, 700 docenti lucani al Centro – Nord

Primo Giorno di Scuola - MateraMatera. Sono tante le storie di insegnati lucani con laurea ed abilitazione costretti da settembre a trasferirsi al Centro – Nord per lavorare. Precisamente 700 le donne e gli uomini lucani; un esercito costretto a fare le valigie ed a lasciare la propria terra d’origine e la famiglia. In Basilicata per la scuola primaria sono circa 330 i maestri assegnati altrove; di questi 180 dalla provincia di Potenza e 120 dal materano. Per la scuola media si parla di 350 docenti, di cui 160 di sostegno: 230 dal Potentino e 120 dal Materano. Tutto questo alla vigilia della mobilità per la scuola secondaria di II grado che coinvolgerà altre centinaia di docenti lucani.

Poca attendibilità dei dati, anomalie e irregolarità – denuncia il segretario generale della Flc Cgil – Eustachio Nicoletti – che daranno corso ad una serie di ricorsi che rischiano di compromettere il corretto avvio del prossimo anno scolastico. “Il Ministero minimizza invitando a fare ricorso – denuncia Paolo Laguardia della Cgil Scuola – ma anche questa soluzione stravolgerebbe i destino di migliaia di docenti nella stessa fascia”. In buona sostanza cosa è successo : il sistema non ha tradotto nell’algoritmo quanto previsto dal contratto nazionale”. Se la Buona Scuola del Governo è dettata da un algoritmo e non tiene conto di criteri oggettivi allora vuol dire che qualcosa non funziona – rincara Franco Coppola della Uil Matera.

Per Nicoletti occorre ritirare i trasferimenti pubblicati, apportare le modifiche a sistema della programmazione e rivedere tutto il modo corretto, rispettando il contratto sulla mobilità.

Share Button