FIOM CGIL: parità di mansione, parità di salario per somministrati FCA e indotto

Somministrati FCA - FIOM CGILParità di mansione, parità di salario. E’ la richiesta della Fiom CGIL nei confronti della FCA, aziende dell’indotto ed agenzie per il lavoro, secondo il sindacato dell’industria metalmeccanica, colpevoli di non aver applicato quanto stabilito dal contratto nazionale. Il riferimento è alle unità in somministrazione, inserite negli anni scorsi o che ad oggi lavorano negli stabilimenti di Melfi ed altre realtà del Paese, inquadrate diversamente.

In numeri, le verifiche fatte sulle buste paga dei somministrati, a partire dal 1 luglio 2015, hanno accertato un ammanco sulla retribuzione base di 140,6 € mensili, accompagnato dall’assenza della quota trimestrale sul raggiungimento degli obiettivi sul piano industriale 2015-18 per 82,5 €. “Un danno economico – ha rimarcato il segretario generale della CGIL di Basilicata, Angelo Summa – sul quale chiediamo l’attenzione istituzionale, per ristabilire la legalità ed evitare il ripetersi di casi anomali come ad esempio in Val d’Agri.”

Share Button