Sanità e assistenza, l’Associazione Provinciale Diabetici di Matera esprime le sue preoccupazioni

ospMATERA – Sanità e livelli di assistenza, l’Associazione Provinciale Diabetici di Matera esprime le sue preoccupazioni. Lo fa, con una nota, con riferimento alle determinazioni contemplate nella legge regionale del 27 gennaio, la numero 5 articolo 22, e la delibera regionale numero 307 del 27 marzo, in cui, viene fatto notare, in relazione ai LEA aggiuntivi, si prevede che i livelli sanitari aggiuntivi vengano erogati ai soli assistiti con un reddito familiare inferiore ai 14mila euro. Se l’interpretazione è esatta, ribadisce l’associazione, si andrebbe così a limitare una possibilità terapeutica, oggi ritenuta fondamentale, per i giovani con diabete insulino dipendente. La delusione è grande, si legge ancora nella nota, perché sono state disattese le promesse di una migliore assistenza per il diabete. Aspetti delicati cui si aggiunge, come denuncia ancora l’Associazione, le altre criticità della diabetologia dell’ospedale di Matera, per le quali i vertici dell’azienda sanitaria hanno assicurato la massima disponibilità. È l’ennesima volta, fa notare ancora l’Associazione, che lamenta anche l’operato della posizione organizzativa infermieristica, che vengono denunciate le dimensioni del diabete e la scarsa attenzione delle Istituzioni. L’Associazione si augura che le nuove amministrazioni sanitarie regionali siano più attente protagoniste nei riguardi del diabete mellito e dei tanti giovani che ne sono affetti.

Share Button