Sicurezza in rete, la Polizia incontra i ragazzi delle scuole materane

vita-social-2MATERA – Un bus lungo 18 metri, con tanto di aula multimediale, in cui ai ragazzi vengono fornite informazioni e consigli per orientarsi a muoversi in rete in piena sicurezza. Ha fatto tappa anche a Matera il bus della Polizia Postale, nell’ambito della campagna didattica “Una vita da social”. Fatti di cronaca legati al cyber bullismo e il generalizzato uso distorto della Rete e dei social network, sono fenomeni che la Polizia di Stato, con la collaborazione del Ministero dell’Istruzione, vuole portare all’attenzione dei genitori e degli insegnanti. E proprio i ragazzi sono stati accolti all’interno del bus della Polizia Postale dagli esperti della , presenti come testimonial gli atleti della Pallavolo Domar Matera, il Prefetto e il Questore di Matera. L’iniziativa – hanno ribadito ai nostri microfoni il Prefetto, Antonella Bellomo, e il questore, Stanislao Schimera – vuole fare in modo che Internet possa essere vissuto da tutti, a partire dai banchi di scuola, come un’opportunità e non come un pericolo. Il divario fra la conoscenza digitale dei giovani e degli adulti è enorme e così per i giovani i genitori non possono essere né modelli né maestri, perché in rete il più delle volte non sanno andarci. In rete ci si relaziona con un mondo intangibile, ci sono tante insidie e i genitori devono comunque rimanere un punto di riferimento, una guida.

Share Button