Nel tribunale di Matera la prima aula processuale italiana per l’ascolto dei minori

Il Tribunale di Matera

Il Tribunale di Matera

Al via presso il TRIBUNALE DI MATERA i lavori per la realizzazione dell’aula di ascolto del bambino: uno spazio attrezzato a misura delle “persone in età minore”, che qui potranno sentirsi libere e protette da condizionamenti, senza subire il confronto diretto con le altre parti processuali.

La notizia viene diffusa in coincidenza della celebrazione del 25esimo anniversario della Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia. A varare questa iniziativa è stata la sezione materana di “CamMiNo”- Camera Nazionale Avvocati per la Famiglia e i Minorenni, di concerto con l’Ordine degli Avvocati di Matera. Il progetto è stato redatto dall’arch. Annarita Giachella, che ha coordinato un gruppo di lavoro composto dai soci- tra avvocati e psicologi- della sezione materana di “CamMiNo” e da un professionista esperto dell’età evolutiva, con la supervisione del Presidente del Tribunale di Matera e del Presidente dell’Ordine degli Avvocati di Matera.

Previsto l’allestimento di un ambiente suddiviso in due zone, separate da un vetro unidirezionale, il cui accesso dovrà avvenire mediante percorsi separati. Una delle due stanze, detta “stanza di ascolto”, sarà attrezzata in modo da creare un ambiente familiare al minore con pitturazione e decorazione delle pareti secondo le tecniche della cromoterapia, con arredi posizionati secondo i  principi della prossemica, e dotata di giocattoli che stimolino la gestualità e la comunicazione del minore.

La stanza adiacente, detta “ stanza di osservazione e regia,dotata di impianto di videoregistrazione e microfoni,”verrà utilizzata dai “tecnici del settore” (magistrati,avvocati, consulenti di parte) e permetterà di osservare in tempo reale lo svolgimento delle attività nell’altra stanza ,nonché di interloquire in modo riservato,mediante telefono interno,con l’esperto che sta procedendo all’ ascolto, nella visione di una giustizia che dà ai più deboli strumenti e condizioni per veder garantiti i propri diritti. L’inaugurazione è prevista nella prima decade di dicembre.

Share Button