Maturità: prima prova d’esame per 5646 studenti lucani

Esami di MaturitàMATERA –  Per circa 500mila studenti in Italia questa mattina è suonata la campanella della maturità. In Basilicata sono 5.646 (244 dei quali esterni) i candidati (3.489 nel Potentino e 2.157 nel Materano): secondo quanto si è appresso dall’Ufficio scolastico regionale la prima prova si è svolta regolarmente; sono al lavoro 152 commissioni e sono stati nominati 151 presidenti e 529 commissari. Tra le tracce proposte ai maturandi 2014, per l’analisi del testo è stato scelto Quasimodo. Del poeta siciliano sono stati sottoposti agli studenti i versi della poesia “Ride la gazza, nera sugli aranci”, dalla raccolta “Ed è subito sera”.

Il tema di “Ordine generale” è una frase tratta da «Il rammendo delle periferie», articolo di Renzo Piano: «Siamo un Paese straordinario e bellissimo, ma allo stesso tempo molto fragile». Il confronto dell’Europa tra il 1914 e il 2014 la traccia per Storia: nel centesimo anniversario della prima Guerra mondiale, gli studenti sono stati chiamati a riflettere su com’è cambiata la situazione del continente in un secolo. “Il dono” il titolo del saggio breve in ambito artistico letterario, la “tecnologia pervasiva” quello del saggio tecnico-scientifico. Violenza e non violenza, due volti del Novecento, la traccia di ambito storico-politico. «Le nuove responsabilità» quella di ambito socio-economico.

Intanto stamane il Presidente della Regione Basilicata Marcello Pittella ha voluto far giungere il suo personale “in bocca al lupo”‘ insieme con quello corale dell’intero governo regionale agli studenti lucani. “Sono sicuro che con la tenacia e l’impegno che è proprio delle nostre genti – ha scritto – riuscirete a superare ogni difficoltà, impegnandovi per la vostra crescita prima e per lo sviluppo della nostra amata regione poi”.” Il vostro impegno – ha concluso – insieme alla passione e all’abnegazione dei tanti insegnanti impegnati insieme al vostro fianco in questo cammino, farà di voi, ne sono certo, professionisti seri ed affidabili su cui poter contare”.

Domani toccherà alla prova di indirizzo (ovvero matematica allo scientifico, greco al classico o lingua straniera al liceo linguistico). Tempo qualche giorno e l’esame tornerà con il temuto «quizzone». Dopo una settimana al via gli orali.

Share Button