Potenza. Le celebrazioni per il 68° anniversario della Repubblica italiana

Festa della Repubblica - PotenzaAnche Potenza ha celebrato il 68° anniversario della costituzione della Repubblica Italiana. Un evento, come nel resto del Paese, dedicato al ricordo del 1946 ma ancor di più per ridare dignità alla vita quotidiana, di questi tempi, scavalcata dalla crisi e che porta al disincanto un po’ da tutto ad iniziare dalla politica.

Dopo un omaggio al monumento ai caduti di Montereale, le massime istituzioni ed i reparti dei corpi armati, penitenziari ed a servizio della comunità, hanno presenziato alla cerimonia ufficiale in Piazza Mario Pagano.

Tra le cariche, rappresentanza nazionale con il sottosegretario Vito De Filippo e regionale con l’Assessore Raffaele Liberali, quest’ultimo poi intervenuto per il saluto a nome del Presidente lucano Marcello Pittella.

Dinanzi ai gonfaloni della provincia di Potenza con in testa la città capoluogo, la banda ha accompagnato l’arrivo del Prefetto Rosaria Cicala, in rassegna tra gli schieramenti e che ha proceduto alla lettura del messaggio inviato dal Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, dove ad emergere è la capacità delle istituzioni di affrontare l’attuale fase cruciale del Paese nel segno della legalità.

Pietro Campagna, Sindaco facenti funzioni, ha rimarcato la necessità di coesione a tutti i livelli della società e ricordato la figura di Emilio Colombo, potentino illustre e padre costituente, ed il Presidente della Provincia, Nicola Valluzzi, con pensiero rivolto alla democrazia ed ai Maró ancora prigionieri in India per aver portato avanti il proprio dovere.

Gli applausi della folla con sventolio del tricolore hanno infine visto la consegna dell’onorificenza di Cavaliere della Repubblica, momento solenne e che ogni anno non manca di inorgoglire nell’essere italiani.

Share Button