Melfi, Trm network promuove il meeting “L’etere, uno spazio a servizio del territorio”

Layout 1

MELFI – Nella gremita Sala consiliare del Comune si è svolto oggi il meeting sul tema “L’etere, uno spazio a servizio del territorio” promosso da Trm network e Calabrese Elettronica utile a discutere sull’attualità e le prospettive del digitale terrestre: due le sessioni della giornata : una di carattere politico istituzionale, sul ruolo strategico degli operatori per la crescita del sistema e dei territori ed una tecnica pomeridiana aperta a tecnici ed installatori.

In mattinata sono intervenuti: il Presidente del Consiglio regionale di Basilicata, Piero Lacorazza, il Sindaco di Melfi, Livio Valvano, il Presidente del Corecom Basilicata Ettore Trerotola, l’editore e il responsabile di Trm network Angelo e Rossella Tosto.

Presenti, oltre a numerosi tecnici ed esperti di telecomunicazione di Puglia e Basilicata, diversi sindaci del Vulture Melfese a testimoniare l’attenzione per un territorio che si colloca in una posizione cerniera fra Puglia e Basilicata, per la risoluzione dei problemi di ricezione del digitale terrestre e per la valorizzazione delle opportunità di condivisione e crescita con il supporto di una informazione territoriale di qualità, attenta alle diverse fasce d’età e ad abbattere le barriere tecnologiche e spazio / temporali attraverso la multimedialità.

L’obiettivo degli organizzatori, anche attraverso questo tipo di incontri nonchè di altri investimenti che saranno presto effettuati,  è di consentire  ai tecnici di avere competenze e strumenti necessari per garantire la copertura totale del segnale di Trm Network in ogni angolo della Basilicata ( oggi al 94%)  e nelle regioni limitrofe. Le istituzioni, consapevoli del ruolo dell’informazione in una regione come la Basilicata, complicata dal punto di vista orografico – basti pensare che per meno di 600mila abitanti sono necessari 70 ripetitori mentre in Puglia per 4 milioni di abitanti bastano 8 ripetitori-  hanno una grande responsabilità nel sostenere le imprese del settore se credono davvero che la comunicazione sia fondamentale per lo sviluppo del territorio.