Nucleare: rafforzato il monitoraggio del centro Itrec Rotondella

Firmato l’accordo tra la Regione Basilicata, l’Arpab e la Sogin

Impianto ITREC Trisaia di Rotondella

Impianto ITREC Trisaia di Rotondella

POTENZA – La Regione Basilicata, l’Agenzia regionale per la protezione dell’Ambiente (Arpab) e la Sogin (la società di Stato che si occupa del ‘decommissioning’ degli impianti nucleari) rafforzeranno le attività di monitoraggio ambientale nel sito Itrec di Rotondella (Matera): quanto previsto in un protocollo d’intesa firmato nel pomeriggio a Potenza.

La Sogin consegnerà all’Arpab (in comodato d’uso gratuito) un laboratorio mobile per la rilevazione della radioattività ambientale e di altri strumenti di misurazione, richiesti dall’agenzia per attuare il programma di monitoraggio.

All’interno dell’impianto, inoltre, la società installerà due nuove centraline di monitoraggio radiometrico e climatico dell’ambiente locale, con la trasmissione diretta dei dati all’Arpab.

Il programma, predisposto dalla Sogin, fa riferimento alle prescrizioni del decreto di compatibilità ambientale approvato nel 2011 dal ministero dell’ambiente, per la realizzazione dell’impianto per cementare i rifiuti radioattivi liquidi.

All’incontro ha partecipato il governatore lucano, Marcello Pittella, il presidente della Sogin, Giuseppe Zollino, il direttore amministrativo dell’Arpab, Alessandro Desiderato, e il sindaco di Rotondella, Vincenzo Francomano.

”L’accordo – ha detto Zollino – rientra nel percorso di trasparenza che da sempre mettiamo al centro della nostra azione, per aumentare al massimo grado possibile la fiducia dei cittadini”.

Il monitoraggio previsto negli accordi, infatti, si aggiunge alle attività di controllo già in corso nell’area ”con una qualità e una periodicità che ci rassicurano sulla sicurezza” ha aggiunto Desiderato, anche se ”l’auspicio – ha evidenziato Francomano – di arrivare quanto prima allo smantellamento definitivo dell’impianto”.

L’intervista di Margherita Sarli a Marcello Pittella

Share Button