Pisticci. Assegnati i premi “Donna in questione”

Da sinistra Neeta Sharma, Albina Colella, Lucia Serino e Caterina Policaro

Da sinistra Neeta Sharma, Albina Colella, Lucia Serino e Caterina Policaro (Ph. Pisticci.com)

PISTICCI – Per i suoi studi sulla produzione di biomassa da colture agricole è stato assegnato alla ricercatrice Neeta Sharma, del Centro Ricerche Enea di Trisaia (Matera), il premio ‘Woman in Question’, dedicato alle donne della Basilicata che si sono distinte nel 2013 nella tutela del territorio.

A Neeta Sharma il riconoscimento è stato assegnato per le sue ricerche nei settori agro-industriali e bioenergetici, con particolare attenzione alla produzione di biomassa. La ricercatrice coordina il progetto internazionale Sahyog (Strengthening Networking on Biomass Research and Biowaste Conversion Biotechnology for Europe-India Integration), che con la realizzazione di un network tra Unione Europea e India, promuove le attività di ricerca nel settore delle biomasse e della conversione dei rifiuti organici attraverso approcci biotecnologici.

Infatti le attività del progetto puntano, attraverso il gemellaggio di progetti e gli scambi tra i ricercatori, ad individuare tutte le opportunità di un maggiore sfruttamento delle biotecnologie i cui materiali di origine non sostituiscono le attività agricole, ma derivano da esse.

Il premio, organizzato dal Comune di Pisticci (in provincia di Matera) con la collaborazione di diverse realtà del territorio, è stato assegnato anche ad altre tre donne, che hanno saputo affermare i propri talenti nella Regione Basilicata: Lucia Serino, direttore del Quotidiano della Basilicata, Albina Colella, che insegna geologia all’università della Basilicata e Caterina Policaro, insegnante.

Share Button