Ambiente: monitoraggio continuo alla Ila Laterizi di Matera

L'assessore all'Ambiente di Matera, Rocco Rivelli

L’assessore all’Ambiente di Matera, Rocco Rivelli

MATERA – Sarà un piano approfondito di monitoraggio, con l’impiego di sistemi fissi e con mezzi mobili dell’Arpab, a rilevare dati ed effetti delle emissioni in atmosfera degli impianti della Ila Laterizi di Matera che produce manufatti per l’edilizia in località Venusio: è quanto è emerso oggi, a Matera, al termine di una riunione del tavolo tecnico, svoltasi presso l’amministrazione comunale.

Lo ha reso noto l’assessore comunale all’ambiente, Rocco Rivelli. “Abbiamo – ha detto Rivelli – rinnovato all’azienda la richiesta di non impiegare l’uso del pet-coke e di lavorare a un protocollo per il monitoraggio delle emissioni, con modalità e tempi necessari. Tutto questo per ottenere le dovute garanzie per l’ambiente e la salute dei cittadini”.

La scorsa settimana l’azienda. con una nota inviata a Comune, Provincia di Matera, Arpab, Regione Basilicata, sindacati, comitato cittadini e associazioni ambientaliste, aveva comunicato di voler testare gli impianti con l’impiego del pet-coke in relazione alle procedure per l’ Autorizzazione integrata ambientale (Aia). La richiesta aveva incontrato l’opposizione di quanti avevano denunciato i rischi per la salute dalla emissione in atmosfera dall’impiego del combustile, un derivato della distillazione del petrolio.

Share Button