Premio Ande Donne dell’Anno 2014. Un riconoscimento alla capacità e alla dedizione

Still0128_00000Premio AndePOTENZA – Un video di 18 minuti per raccontare la vita di ognuna delle 15 donne che hanno ricevuto il premio Ande 2014, promossa dalla Associazione Donne Elettrici di Potenza. Sullo schermo, dello Stabile di Potenza, dove si è tenuta ieri sera la cerimonia di consegna, sono state proiettate foto di normale quotidianità che descrivono queste donne come madri, mogli, amiche, figlie, professioniste, impegnate nella nostra regione. Non sono tutte lucane, o meglio, alcune le sono di adozione, la  cifra che le distingue è il loro essere espressione di validi percorsi e significative capacità.

E per quest’anno il premio è andato a Lucia Ambrosio, Antonella Amodio, Teresa Maria D’Ambrosio, Maria Cristina Festa, Rosanna Filomena, Anna Maria laurini, Lucia Maffei, Vittoria Pertusiello, Marta Ragozzino, Emilia Rettura, Maria Rosa Salvia, Tiziana Satriani, , Lucia Serino, Anna Maria Scalise, Rosetta Zinna, rappresentative di tanti micromondi: dall’imprenditoria al giornalismo, dall’amministrazione alla giustizia, fino al volontariato e alla solidarietà.

Una schiera nutrita di donne, solo un campione del valido mondo femminile lucano, “che – ha detto Anna Maria Fanelli, Presidente dell’Ande – vogliamo portare agli onori della cronaca perché le loro storie vengano ancora più riconosciute dalla comunità”. L’obiettivo dell’associazione, attiva sul territorio dal 1980, è infatti quello di affermare la cultura delle pari opportunità e dell’equità sociale. Non a caso, ieri sera, quale occasione migliore per esporre un documento contenente una proposta di statuto regionale e di legge elettorale paritaria, resasi ancora più stringente a seguito dell’evidente assenza di una rappresentanza femminile nel consiglio regionale. Un’occasione dunque quella di ieri per ribadire un forte impegno per una politica nuova di condivisione e di democrazia paritaria.