Antenne nel rione Agna a Matera, interviene l’Mpa

Matera.  Di seguito la nota stampa inviata dal neo eletto vicesegretario cittadino del Movimento per le Autonomie, Antonio Cifarelli.

Il direttivo MPA di Matera esprime piena solidarietà ai cittadini residenti nel rione Agna, giudicando un atto di aggressione antidemocratica l’installazione di vari ripetitori per telefonia mobile nel raggio di poche centinaia di metri, senza il preventivo coinvolgimento della popolazione interessata in decisioni che riguardano la salute pubblica e, in assenza di una posizione univoca della Comunità Scientifica, generano giustificata preoccupazione sociale. Anni di latitanza politica e cecità amministrativa che, tra le altre cose, hanno impedito alla nostra comunità di dotarsi di un piano organico di localizzazione degli impianti elettromagnetici, non possono pesare come un macigno sulle giovani generazioni, fino al punto di materializzarsi in un imponente traliccio che giganteggia inquietante sul vicino plesso scolastico. È doveroso, da parte di tutti i rappresentanti della società civile e di tutti i partiti e movimenti politici che abbiano realmente a cuore gli interessi della collettività senza trincerarsi in intollerabili partigianerie,  unirsi al coro di protesta che si leva civilmente dalla periferia sud della città, per chiedere immediate e non più procrastinabili risposte all’amministrazione comunale e, in particolare, all’attuale Sindaco Salvatore Adduce. Il Movimento Per le Autonomie di Matera è intenzionato ad assolvere fino in fondo alla sua funzione di rappresentanza sociale. Si impegna, pertanto, a porre in essere tutte le azioni necessarie al rispetto delle istanze della comunità cittadina, attraverso l’espletamento delle funzioni democratiche dei propri rappresentanti in Consiglio Comunale. Garantisce, inoltre, pieno sostegno a tutte le iniziative di protesta civile tese al raggiungimento di una piena partecipazione popolare a decisioni che riguardano i cittadini nei loro inviolabili diritti.

Share Button