Parcheggi e aree blu: a Matera verso un nuovo appalto

Il parcheggio di viale delle Nazioni Unite

MATERA –  Con la conclusione dei lavori lungo via Saragat si accorciano i tempi per il pieno utilizzo del parcheggio multipiano realizzato alle spalle degli impianti sportivi di viale delle Nazioni Unite. L’area di sosta costruita su tre piani per il momento – fa sapere l’assessore alla Mobilità, Sergio Cappella – sarà a disposizione solo nel livello superiore, per complessivi 150 posti circa. La dotazione complessiva della struttura è di 575 posti auto, 4 i bus che vi potranno stazionare, mentre per le due ruote saranno disponibili 32 stalli. La novità più interessante – sempre a dare credito alle notizie che arrivano dal palazzo di città – riguarderebbe i prezzi da praticare per il parcheggio. Cappella parla di tariffe abbastanza contenute, addirittura nell’ordine di 10-15 euro al mese soprattutto per gli utenti sistematici che, nel caso dell’area di sosta di via Saragat, sono i frequentatori del Palazzo di Giustizia. Nelle ultimissime ore, intanto, gli amministratori comunali materani hanno incontrato i vertici delle Ferrovie Appulo Lucane avviando con il presidente dell’azienda, Matteo Colamussi, il confronto per l’utilizzo dell’area antistante il tribunale che diventerebbe il terminal bus cittadino, una soluzione che libererebbe dall’attuale caos, specie nelle ore di punta, piazza Matteotti. Un progetto che imporrebbe la demolizione immediata dell’ex casello ferroviario di via Cappelluti che per le precarie condizioni in cui è ridotto è ad alto rischio di crollo. Per gli amministratori comunali materani l’obiettivo finale è quello di mettere a disposizione degli automobilisti che gravitano nell’area più centrale della città 1.600 posti tra parcheggi coperti e non. La parte del leone la farebbero le aree di sosta multipiano di piazza Firrao, via Lucana e via Saragat. A gestirle sarà ancora la Sisas, in attesa di conoscere gli esiti della gara d’appalto che l’amministrazione comunale si accinge a bandire, un tassello non trascurabile nel complessivo piano di un nuovo modello di circolazione automobilistica fondamentale per dare a Matera un piano del traffico che definisca una volta per tutte una città a misura d’uomo.

Share Button