Vertenza Sita, si va verso lo sciopero

MATERA – Vertenza Sita. Un cambio di rotta da parte dell’azienda. L’auspicavano le parti sociali, alla vigilia dell’incontro in Prefettura, che ha avuto luogo questa mattina a Matera. Ma alla fine non è venuto e gli stessi Sindacati, che nei giorni scorsi, a più riprese avevano sollecitato l’incontro, definiscono una chiusura a riccio la posizione della Sita. E ora, la proclamazione dello sciopero, secondo le modalità previste dalla legge, diventa inevitabile. La vicenda è nota. Nelle scorse settimane la Sita aveva esternalizzato due corse, assegnandole ad un’azienda che fa parte del Cotrab. Una decisione presa senza preavviso, sottolineavano  Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uil, Ugl Trasporti e Faisa-Cisal, che genera ripercussioni negative sul piano occupazionale interno e a livello di qualità del servizio offerto. Intorno al tavolo, questa mattina, i sindacati, l’azienda, titolare del contratto con la Provincia di Matera per il trasporto pubblico su gomma nel territorio, ed esponenti dell’amministrazione provinciale. Con riferimento al subaffidamento, fanno sapere i Sindacati, Da parte della provincia,  è emersa la volontà di verificare eventuali violazioni alle norme contrattuali. L’azienda, sottolineavano nei giorni scorsi le parti sociali, ricordando che, in due anni, dal marzo 2009, fra Matera e Potenza la forza lavoro si è ridotta di 60 unità, non può pensare di ricevere risorse aggiuntive, a fronte di una riduzione occupazionale e della qualità del servizio offerto.