La Uil scrive ad Adduce e Santarsiero per il Federalismo

Il logo Uil

POTENZA – “La Uil ritiene grave e inopportuno che si scarichi sui contribuenti il costo del federalismo”. Lo ha scritto in una nota inviata ai sindaci di Matera e Potenza, Salvatore Adduce e Vito Santarsiero, il segretario regionale della Uil, Carmine Vaccaro, a seguito dell’ipotesi di dare facoltà ai Comuni di elevare l’aliquota dell’Irpef, nell’ambito del decreto attuativo sul federalismo municipale. Vaccaro, piuttosto, sostiene che “ci sono le condizioni per intervenire radicalmente per razionalizzare e ridurre i costi diretti ed indiretti della politica”. Vaccaro ricorda a Santarsiero che il suo Comune, nel 2008, ha impegnato circa 4 milioni e 756 mila euro per le spese istituzionali ed ad Adduce che nel suo ente, per lo stesso scopo e nello stesso anno, sono stati spesi circa 867 mila euro. Secondo il segretario lucano della Uil basterebbe ridurre del 20% tali uscite per recuperare risorse e evitare possibili maggiorazioni dell’IRPEF locale. Rivolgendosi ancora ad Adduce e Santarsiero, Vaccaro si è detto certo che, condividendo il fatto che il reddito di lavoratori e pensionati in questi anni ha subito un erosione consistente, faranno sentire la loro voce presso l’Anci e si impegneranno a non alzare l’addizionale Irpef comunale.

Share Button