Cattolici uniti sul significato della partecipazione

MATERA – Il termine cittadinanza è un sostantivo astratto ma ha una valenza concreta e tangibile. La sua radice latina, civitas, ha lo stesso significato della radice greca della parola politica: in entrambi i casi, l’enfasi è sulla partecipazione concreta alla vita nella città. Ma anche sul senso dell’appartenenza e del coinvolgimento che i laicato cattolico deve imparare a recuperare. Ad affermarlo, Mario Di Costanzo, ex assessore del Comune di Napoli ed attuale direttore dell’Ufficio per il laicato della Diocesi di Napoli, nel corso del convegno che si è tenuto venerdì scorso a Matera, presso la Mediateca Provinciale. Tema dell’incontro, voluto ed organizzato dall’Azione Cattolica della Diocesi di Matera Irsina, “Partecipazione e consenso per costruire la città”. L’iniziativa ha aperto il ciclo di incontri che l’Azione Cattolica diocesana sta organizzando in vista della quarantaseiesima Settimana Sociale dei Cattolici, che si terrà a Reggio Calabria, dal 14 al 17 ottobre 2010 e che si svilupperà interno al tema “Cattolici nell’Italia di oggi. Un’agenda di speranza per il futuro del paese”. Il laicato cattolico, ha osservato Di Costanzo, ricordando i valori che ispirano la dottrina Sociale della Chiesa, alla presenza, fra gli altri, dell’arcivescovo di Matera Irsina, Monsignor, Salvatore Ligorio, ha grandi risorse che non sempre si riflettono nella partecipazione alla vita della città.

 

Share Button