15 Dicembre, 2015

A Matera una due giorni di studio sullo “Storytelling” con le #Narrazioni19

Il CISST, Centro Internazionale per gli Studi Storici Sociali e dei Territori, afferente al CGIAM, organizza, in collaborazione con la Regione Basilicata l’evento dal titolo #Narrazioni19, che si svolgerà a Matera, presso Palazzo Lanfranchi, i prossimi 18 e 19 dicembre. (continua la lettura)

Archiviato con:                     

Ilva. La drammatica denuncia del “Fondo Antidiossina” di Taranto in un video su YouTube questo articolo contiene video

"Come un bombardamento nel cuore dell'Ilva" è il titolo di una video-denuncia del presidente del Fondo antidiossina onlus, Fabio Matacchiera in merito alle operazione notturne (tra il 13 e il 14 dicembre scorsi) registrate all'interno del reparto Gestione rottami ferrosi (continua la lettura)

Archiviato con:                 

Vitantonio Taddeo eletto segretario generale Pensionati Cisl di Puglia Basilicata questo articolo contiene video

Vanta una una lunga esperienza sindacale nei quadri dirigenziali della Cisl di Brindisi ed oggi approda ai vertici della Federazione Interregionale di Puglia Basilicata sezione Pensionati della Cisl. (continua la lettura)

Archiviato con:                 

Bari. Siglato in Comune un accordo per il reinserimento sociale dei detenuti questo articolo contiene video

Francesca Bottalico (Welfare Comune di Bari) e la dirigente Ufficio Esecuzione Penale Esterna di Bari, Paola Ruggeri, hanno siglato un Municipio un protocollo operativo con la finalità di promuovere il reinserimento sociale di detenuti ed ex detenuti e (continua la lettura)

Archiviato con:                     

Interrogazione di Materdomini (M5S): “Matera Pulita” in stallo, quanto ci è costata? questo articolo contiene video

"Quanto è costata ai materani la creazione della piattaforma, se e quanto ci costa ora la sua attività, ma, soprattutto, qual è il motivo per cui le attività connesse al progetto sono ferme al 15 ottobre 2014 ?" (continua la lettura)

Archiviato con:         

Bari. Tentata estorsione al Quartiere Libertà: “2mila euro o qui non si lavora!”, arrestati in due questo articolo contiene video

Duemila euro per poter portare a termine i lavori: questa la somma di denaro che era stata richiesta al costruttore, per poter lavorare in tranquillità e portare a termine la ristrutturazione di un condominio, che lo stesso aveva iniziato in (continua la lettura)

Archiviato con: