Bitonto, torna Assodj Festival: tre giorno dedicati al mondo del divertimento

Due workshop formativi e un evento-spettacolo sul mondo dei dj. A Bitonto, torna una nuova edizione di Assodj Festival: una tre giorni, dal 16 al 18 settembre, di appuntamenti gratuiti ospitati all’interno di Villa Sylos, che per l’occasione si trasformerà in un palcoscenico da cui rilanciare la mission che l’associazione Assodeejay persegue sin dalla sua prima edizione: promuovere il sano divertimento e richiedere alle istituzioni di regolamentare un settore ancora troppo ‘sommerso’. In particolare, per l’edizione 2021, sono due gli appuntamenti di formazione in programma con un focus specifico sui diritti e sugli obblighi fiscali e sullo svolgere legalmente la professione perseguendo i principi deontologici che la regolamentano. Si parte giovedì 16 settembre alle 18.30 con il workshop Gestione e organizzazione eventi e spettacoli; per poi proseguire venerdì 17 con un nuovo workshop dedicato alla produzione musicale, formazione e sbocchi professionali. A chiusura del festival, uno speciale evento – concerto, in programma sabato 18 settembre alle ore 20.30. Perfomance musicali e artistiche, attraverso cui raccontare il particolare momento vissuto a partire dal 9 marzo del 2020, quando l’esplosione della pandemia Covid costrinse gli italiani a un lockdown forzato e il mondo dello spettacolo e della cultura a spegnere i riflettori. “Siamo tornati dopo un anno ad organizzare il festival con la consapevolezza che la battaglia che da anni portiamo avanti, quella della regolarizzazione del mestiere del dj, è sempre più pressante – ricorda Daniela Tatulli, responsabile provinciale Assodeejay e direttrice artistica del festival – e la pandemia l’ha dimostrato, quando tanti lavoratori del divertimento notturno sono rimasti senza sostegni perché non contrattualizzati. Quest’edizione, di fianco al sano divertimento che la musica porta con sé, vuole ancora una volta lanciare un messaggio di speranza per il settore, fortemente colpito dalle restrizioni legate alla pandemia”.