Per Elisa – Il caso Claps: confermati gli ottimi dati Auditel

Una terribile vicenda, arrivata per la prima volta sul piccolo schermo

“Il cielo su Potenza ha pianto Elisa”, “una storia drammaticamente vera”, “ho pianto per il dolore”. Sono alcuni dei commenti dal web all’indomani dell’ultima puntata di “Per Elisa – Il caso Claps”. Fiction e realtà non sono mai così vicine per un fatto di cronaca su cui ancora oggi, a distanza di 30 anni, persiste la necessità di chiarire alcuni punti cruciali.

Il corpo della giovane studentessa, uccisa nel ’93 da Danilo Restivo, è stato ritrovato 17 anni anni dopo nel sottotetto della chiesa SS Trinità di Potenza. Nell’edificio sacro, prima sotto sequestro e poi chiuso per lavori di ristrutturazione, si è tenuta il 2 novembre scorso la prima celebrazione eucaristica , con la contestazione della gente.

Anche gli ultimi episodi della fiction, in onda su Rai1, hanno confermato gli ottimi dati auditel, con una media di circa tre milioni di spettatori nonostante il palinsesto particolarmente competitivo. Più che soddisfacenti i riscontri su Rai Play. Una terribile vicenda, arrivata per la prima volta sul piccolo schermo.

La serie è stata prodotta da Fastfilm Srl e Cosmopolitan Pictures Limited, in collaborazione con Rai Fiction per la regia di Marco Pontecorvo.