“Bentornato papà”: il 21 ottobre l’attore e regista Domenico Fortunato presenta a Matera il suo nuovo film

 

Dopo aver emozionato il pubblico del Bif&st che lo ha accolto con un lungo e sentito applauso a fine proiezione, Bentornato papà, il nuovo film dell’attore e regista materano Domenico Fortunato, sarà presentato giovedì 21 ottobre alle ore 21 al Cinema Il Piccolo di Matera. A incontrare e salutare il pubblico della sua città ci saranno Domenico Fortunato, regista e protagonista, e Franco Ferrante, uno degli interpreti del film. Da venerdì 22 ottobre il film sarà in programmazione sempre al Cinema Il Piccolo.
Bentornato papà, una produzione Altre Storie con Rai Cinema, prodotto da Cesare Fragnelli, con il contributo della Regione Puglia e di Apulia Film Commission, è un’intensa e commovente storia familiare con Domenico Fortunato, anche nel ruolo di protagonista, Donatella Finocchiaro, Riccardo Mandolini (protagonista della serie Netflix Baby), l’esordiente Giuliana Simeone, affiancati da Dino Abbrescia, Giorgio Colangeli, Giulio Beranek, Silvia Mazzieri, Sara Putignano, Franco Ferrante.

Il film racconta la storia di una famiglia con un legame profondo, nonostante alcune incomprensioni. Franco (Domenico Fortunato), un padre che ha dedicato la vita ai suoi cari e al lavoro. Il figlio Andrea (Riccardo Mandolini), studente con le proprie ambizioni e inquietudini. La figlia Alessandra (Giuliana Simeone), sensibile e con il sogno di diventare maestra. La moglie Anna (Donatella Finocchiaro) apprensiva e amorevole. Il fratello, Silvano (Giorgio Colangeli), a cui è molto legato. Un tragico evento colpisce Franco improvvisamente, sconvolgendo la sua vita e quella dei suoi cari. Per tutti inizia un percorso terapeutico dell’anima alla ricerca di un nuovo equilibrio. Ma tutto cambierà ancora una volta.

Un viaggio nelle emozioni più profonde e contrastanti dell’animo umano, in cui le difficoltà e il dolore diventano per una famiglia occasione di riavvicinarsi.

“La nota principale che sembra risuonare nel film è certamente drammatica, struggente – ha raccontato il regista Domenico Fortunato. Eppure in quello che apparentemente potrebbe essere l’inferno, c’è invece la vita. Quella “bella”. Semplice, potente e piena d’amore. In ‘Bentornato Papà’ la malattia non è raccontata solo come momento doloroso, qui è soprattutto l’occasione per una famiglia di ritrovarsi, concedendosi tutto quel tempo necessario per parlare, capirsi, spiegarsi. La malattia diviene dunque anche il motore del cambiamento dei protagonisti. Si ritroveranno cresciuti, cambiati, in grado di affrontare con successo delle sfide ed essere, nonostante tutto quello che accade, diventati migliori. Sono davvero felice di poter condividere con la mia città le grandi emozioni che suscita questo film, spero che il pubblico lo apprezzi”.

Bentornato papà è stato girato tra Roma e Martina Franca. La sceneggiatura del film è di Cesare Fragnelli, Francesca Schirru, Lorenzo Righi, Michele Santeramo, Domenico Fortunato, la fotografia è affidata a Giorgio Giannoccaro, la scenografia a Marco Vigna, le musiche originali a Silvia Nair e i costumi sono a cura di Magda Accolti Gil. Francesca Schirru è l’aiuto regia e Antonio Alessi è l’organizzatore generale.