Bond 25. Ciak si gira: da metà agosto al via le riprese tra Puglia e Basilicata

Sin dai primi 007, l’Italia ha offerto al personaggio di James Bond, alcuni tra gli sfondi più suggestivi per le scene degli inseguimenti mozzafiato ormai entrati nella storia del cinema.

Dallo spettacolare inseguimento di barche a Venezia, contenuto nel secondo film dell’agente segreto impersonato nel 1963 da Sean Connery, a quello tra gondole, per una scena di Roger Moore del 1979 fino a quello in auto lungo le coste della Sardegna.

Nell’81 fu la volta di Cortina D’Ampezzo che quell’anno ospitava le olimpiadi invernali per ritornare sempre a Venezia in anni più recenti, nel 2006 con Daniel Craig per la pellicola Casino Royale.

E poi ancora nel 2008 nella sequenza di apertura girata sul lago di Garda e a Siena fino in piazza del Campo e ancora più recentemente nel 2015 a Roma nel Colosseo.

C’è dunque attesa per la prossima pellicola, la numero 25, che sarà girata anche tra Puglia e Basilicata (tra Matera, Maratea e Gravina) con alcune scene che vedranno Daniel Craig impegnato tra Londra, Giamaica e Norvegia.

Come ha ricordato lo stesso sindaco della Città dei Sassi, “Bond 25” impegnerà 12 milioni di euro di investimento solo su Matera, coinvolgendo circa 100 strutture ricettive con 400 persone al lavoro per una produzione che sarà vista da oltre 150milioni di persone nel mondo “solo nelle sale cinematografiche, senza contare il circuito dell’home cinema e degli altri canali distributivi”.

E’ partito dunque il conto alla rovescia che da metà agosto e per una durata di almeno cinque settimane vedrà i vicoli dei Sassi della Capitale europea della Cultura “protagonisti assoluti e unici delle avventure del più importante agente segreto del cinema”.

Le riprese in sud Italia dureranno circa un mese Per vedere dunque Matera e Gravina in Puglia, tra gli altri luoghi eletti dalla produzione nel quinto film di Daniel Craig nei panni di James Bond occorrerà attendere l’8 aprile del 2020.