A Matera anteprima delle fiction Rai

Dopo aver fatto a Matera il Capodanno di Raiuno e averci portato gli Screenings per i buyer internazionali, che si concludono oggi, “puntiamo a riuscire a creare in questi tre anni che ci separano dal 2019, insieme alla Regione e al Comune, tra i Sassi un’officina di creatività rivolta ai giovani, ai ragazzi. Li selezioneremo in maniera trasparente in base alle capacità che questa regione sa rappresentare e vorremmo che queste persone inizino a lavorare già dalla prossima estate”.

Matera Fiction RaiLo ha annunciato Luigi De Siervo, amministratore delegato di Rai Com, al termine del convegno ‘I Sassi non stanno a guardare – Televisione, cultura, territorio. Il servizio pubblico verso Matera 2019’, organizzato in coincidenza con gli Screenings internazionali.

“La nostra è un’intesa realizzata con fondi strutturali per uno stabilimento che non lavori solo per Matera 2019 ma che produca anche tutti i materiali di Rai Com, per le presentazioni delle nostre iniziative, i programmi, i video. La nostra struttura creata per raccontare l’Italia nel mondo, utilizzerà per i tre anni con la convenzione con Matera solo creatività e prodotti realizzati tra questi Sassi. L’idea sarebbe anche di creare “occasioni di contaminazione fra le creatività italiane e quella del resto d’Europa”. Per il sindaco di Matera, Raffaello De Ruggieri, “questo territorio non è quello avvilito e miserabile di cui si parlava fino a qualche anno fa ma un luogo vitale tra storia e nuova produzione di storia”. Quella della Capitale europea della Cultura 2019 “è la sfida di un meridionalismo vincente. Questa non è una città cartolina ma un luogo magnetico e stimolante che porta avanti un disegno di palpitazioni creative. E chi meglio di Rai Com può narrare questa città, realizzando incontri di altissima professionalità. La Rai è un partner autorevole, prestigioso e internazionale”. Tra gli altri interventi quello di Paride Leporace, direttore di Lucana Film Commission che si è soffermato sull’impegno della Regione nell’audiovisivo: “Dopo il Lazio siamo quello che finanziano più corti in Italia” ha detto, ricordando anche alcune delle nuove produzioni girate in questi luoghi. Tra le altre la fiction ‘Sorelle’ di Cinzia Th Torrini, in onda prossimamente su Raiuno, il nuovo ‘Ben-Hur’, “che ha lasciato sul territorio quattro milioni di euro”, film come ‘Ustica’ e ‘Veloce come il vento’ e fra qualche qualche giorno l’inizio delle riprese del nuovo kolossal sui supereroi, ‘Wonder Woman’. (ANSA)