Al museo Ridola di Matera la mostra “Viaggio nella bellezza”

Il Museo Nazionale di Matera, in collaborazione con il Parco Archeologico di Pompei, indaga con questa mostra il tema del ruolo della donna nell’antichità, mettendo a confronto da un lato la Basilicata antica, dall’altro Pompei e l’area vesuviana.

Gli oggetti di ambito della Basilicata antica dimostrano come il gusto per l’ornamento fosse al centro del vivere quotidiano, avvertito dalle popolazioni autoctone fin dagli inizi del I millennio a.C. Gli ornamenti femminili sono un chiaro segno di distinzione sociale.
Anche per l’area vesuviana reperti preziosi in osso, bronzo e ambra, utilizzati nell’abbigliamento e nelle acconciature, sono attestati già in età preistorica.

Dai materiali di età arcaica e classica, il viaggio prosegue nel mondo romano.
I monili rinvenuti a Pompei e nell’area vesuviana documentano mode e costumi di un’agiata città romana di provincia dell’Italia del I secolo d.C.

Ma i gioielli esposti raccontano anche di storie tragiche: quelle di vittime dell’eruzione dell’eruzione del 79 d.C. che, indossando gli oggetti più preziosi, scappavano nella speranza di fuggire alla morte.

L’esposizione è stata curata da Annamaria Mauro, Massimo Osanna e Gabriel Zuchtriegel.