Coronavirus: nasce FeliCittà, il gioco da tavolo ideato dal Comune di Bari

Scopo del gioco è quello di migliorare la qualità della vita della città attraverso piccoli gesti civili quotidiani

 

Non un semplice gioco da tavolo, ma molto di più. I bambini, costretti a casa dall’emergenza sanitaria, da oggi possono intrattenersi con “FeliCittà”, un gioco da tavolo da stampare e ritagliare a casa, per giocare con fratellini e genitori. L’iniziativa è del Comune di Bari. Obiettivo del gioco è migliorare la qualità della vita della città attraverso piccoli gesti civili quotidiani.

 

Si tratta di un “gioco cooperativo” che sfrutta l’aspetto ludico a fini didattici, dove si partecipa individualmente, ma si vince o si perde tutti insieme, proprio perché solo se la comunità ‘fa squadra’ riesce a superare le difficoltà. FeliCittà nasce dalla campagna di educazione civica “Nicolino un amico in Comune” promossa dall’Ufficio Relazioni con il Pubblico del Comune di Bari, con il patrocinio della Presidenza del Consiglio Comunale.

 

Insegnare giocando, ovvero, per dirla in termini più moderni, con la gamification – afferma il Presidente Michelangelo Cavone – riesce a coinvolgere più efficacemente i cittadini grandi e piccoli nel processo di cambiamento sociale e induce ad adottare comportamenti etici e rispettosi delle regole, delle persone e dei luoghi. Pubblicare “FeliCittà”, in questo particolare periodo di emergenza, significa per il nostro Comune dedicare la giusta attenzione ai bambini, da troppo tempo lontani dai compagni e dai luoghi di socializzazione.

 

Progettato da Sergio Laliscia – game designer, consulente e ideatore di giochi in Italia e all’estero e vincitore del premio Origins Game Award – FeliCittà è stato progettato in modalità stampa&gioca, per essere  facilmente stampato dal pc di casa, nel pieno rispetto dell’ecosostenibilità, uno dei principali valori promossi dalla campagna etica dell’URP.