Musei italiani: Franceschini presenta bando internazionale per selezionare i direttori

Franceschini: “Nella cultura non conta la nazionalità ma curriculum e risultati”.

Il Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo ha indetto una selezione internazionale pubblica per il conferimento dell’incarico di direttore nei Musei italiani. L’iniziativa è stata presentata da Dario Franceschini nel corso di un incontro presso l’associazione della Stampa estera a Roma e si inscrive nel quadro riorganizzativo del Mibact che rafforza la tutela e rilancia l’autonomia dei musei guardando al futuro.

In questa rivoluzione culturale sono coinvolti 7 nuovi musei autonomi (tra i quali quello nazionale di Matera), 10 nuove soprintendenze (compresa quella nazionale per il patrimonio subacqueo di Taranto, con competenza anche territoriale sulla città e la sua provincia), oltre alla nascita della Digital Library che testimonia un forte impegno sul contemporaneo e le industrie creative.

Il bando internazionale presentato alla Stampa Estera prevede una selezione per il conferimento dell’incarico di livello dirigenziale (non generale) di direttore anche per il nuovo Museo Nazionale di Matera.

Gli interessati dovranno presentare la propria candidatura entro le ore 12.00 del 3 marzo 2020, allegando il proprio curriculum vitae e una breve lettera di presentazione in italiano e in inglese.

Le candidature saranno esaminate da una commissione di valutazione composta da 5 membri individuati tra esperti di chiara fama nel settore del patrimonio culturale nominati dal ministro.

I candidati più idonei – fino a un massimo di dieci per ciascun istituto – verranno convocati per un colloquio all’esito del quale la commissione individuerà una terna di candidati per ogni struttura da sottoporre al ministro e al Direttore generale Musei. L’incarico avrà una durata di 4 anni e può essere rinnovato per altri 4 anni.