Arrivederci Federicus, appuntamento all’anno prossimo

Uno spaccato di storia medievale quasi inaspettato. Non il tempo dell’oscurità, ma quello degli agi. Dei piaceri della carne, della bellezza artistica, della conoscenza e delle folli feste. E’ il tema dell’ottava edizione di Federicus, la festa medievale di Altamura. Oltre 800 figuranti, 50 compagnie provenienti da tutta l’Italia, per il corteo maestoso e coinvolgente, quest’anno, per la prima volta in versione notturna.

Il corteo è il momento più imponente della festa, che dura tre giornate. quest’anno, dal 25 al 28 aprile. Coinvolge tutti e tutto. Eterogeneo il pubblico ad affollare il paese adorno per la festa. 

Federico II, secondo la leggenda, passò da Altamura, lasciando nel comune più popoloso dell’Alta Murgia alcuni soldati ammalati, guariti miracolosamente per l’aria salubre del posto. La Cattedrale altamurana è segno di gratitudine e per ottenere soprattutto la benevolenza di papa Gregorio IX, dopo precedente scomunica. Giullari, musici, sbandieratori, arcieri, buffoni, falconieri, dame, nobili e popolani. Non manca nessuno. Partiti dallo stadio D’Angelo, arriveranno in piazza Matteotti, cuore pulsante di Federicus.

Federicus tornerà l’anno prossimo. Fortis Murgia invita a fare esperienza del medioevo ad Altamura, città turistica anche grazie alla festa medievale, uno tra gli appuntamenti più importanti della Puglia.