In Basilicata celebrato il rito arboreo più antico d’Europa. Il Maggio di Accettura

Il rito arboreo più antico d’Europa,che inneggia alla libertà e alla speranza per il futuro;

(di Giulio Traietta) – Il Maggio di Accettura, in provincia di Matera, da più di 200 anni è il culto arboreo per eccellenza. Una festa che inizia la prima Domenica di Pasqua, dove la popolazione si reca presso Montepiano per scegliere il cerro più alto che diventerà il Maggio; la domenica successiva viene scelto nella foresta di Gallipoli, un agrifoglio che sarà la Cima; rispettivamente vengono abbattuti il giovedì dell’Ascensione e la Domenica di Pentecoste, nella cui giornata il Maggio viene trasportato con devozione e passione per 15 km sino ad Accettura.

Maggio di Accettura 2016Entrambi, la Cima e il Maggio, come due fidanzati, attendono il martedì successivo al giorno di Pentecoste per congiungere a nozze sotto gli occhi di San Giuliano; portato in processione tra le vie del paese lo stesso giorno. Ma la festa non è conclusa se al calar del sole,gli allievi del leggendario scalatore: Giuliano Mariano detto “ZiZilone” non hanno raggiunto la vetta più alta del Maggio,accompagnati dallo stupore e dalla gioia popolare.

Solo nel giorno in cui cade il Corpus Domini il grande albero viene abbattuto per far spazio al nuovo,come rito propiziatorio per l’anno venturo.

Ad Accettura il tempo nei giorni del Maggio sembra fermarsi per far spazio a quella cultura contadina che oggi è fonte di turismo e di continuità; i giovani ragazzi sin dalla più tenera età non vedono l’ora di sporcarsi le mani per prendere le redini di questa tradizione; orgogliosi e devoti di una festa che rende la Basilicata ancora tutta da vivere.