A Matera torna “In Vino Veritas” per riscoprire le tradizioni

In Vino VeritasMATERA – Visite guidate ad antiche cantine e palmenti dei rioni Sassi e del parco della Murgia, partecipazione ai riti della vendemmia e della pigiatura per celebrare la cultura del vino “primitivo” caratterizzeranno fino a domenica 28 settembre la manifestazione “In Vino Veritas”, promossa dall’Ente parco con l’apporto del Comune di Matera e di appassionati.

“E’ l’occasione – ha detto il presidente dell’Ente Parco, Pierfrancesco Pellecchia – per promuovere itinerari dedicati e il paniere dei prodotti tipici del Parco, che ha registrato due marchi il Venusio, per l’olio extravergine di oliva, e il Tempa Rossa per il vino”.

La manifestazione, cominciata con una serata di presentazione tra versi, ricordi, tarallucci e vino condotta dal poeta Roberto Linzalone nella cantina “per via orale”, proseguirà con le visite guidate alla cantine storiche “Festa” di via Casalnuovo, “Gennarone” di via Buozzi, Dragone in via San Biagio e e Calculli in via Stigliani compagnia di Giuseppe Gambetta, Giovanni Ricciardi e Roberto Linzalone, seguita da una serata in piazzetta San Giovanni con Roberto Linzalone e Claudio Mola.

Sabato 28, nel pomeriggio, è fissata la vendemmia e pigiatura con cabernet a Parco dei Monaci e in serata l’evento “Il primitivo in festa” presso l’azienda Dragone con il gruppo “I Scettabbann” e la possibilità di visitare, su prenotazione e a pagamento la Cripta del peccato originale.

Domenica 28 ci sarà la visita ai palmenti delle Murgia, accompagnati da Giuseppe Gambetta e Ciccio Loschiavo autori di una ricerca e di un lavoro pubblicato dall’Ente Parco.