Inaugurata nel borgo La Martella la biblioteca intitolata ad Adriano Olivetti

La cerimonia a La Martella

MATERA – Libri, riviste, periodici come “Basilicata” che hanno fatto la storia dell’impegno e della ricerca socio-economica del Mezzogiorno, raccolti dal giornalista Leonardo Sacco e donati al Comune di Matera,  fruibile da oggi presso la biblioteca comunale “Adriano Olivettì” del borgo La Martella. Il sito culturale, ospitato in due immobili recuperati dell’amministrazione comunale con l’apporto della sezione materana della Fondazione “Olivetti” e dei volontari dell’Associazione ‘ La Martella’”, è stato inaugurato oggi dal sindaco, Salvatore Adduce. Alla cerimonia era presente anche Laura Olivetti, figlia del noto economista e meridionalista piemontese che negli anni Cinquanta attivò a La Martella una esperienza di ricerca, e il giornalista ultraottantenne Leonardo Sacco che ha donato al Comune un patrimonio librario di circa diecimila testi. L’apertura della biblioteca coincide con l’avvio di lavori per la riqualificazione del borgo per un importo di circa cinque milioni di euro e con la volontà di associazioni e istituzioni di riprendere e consolidare il dibattito sulla storia urbanistica, architettonica e cultura della città, anche in relazione al progetto di candidatura per “Matera 2019”. La Fondazione “Olivetti” ha assicurato l’arrivo di pubblicazioni per incrementare la dotazione della biblioteca e l’assessore regionale alla cultura, Vincenzo Viti, “un sostegno per informatizzare i diversi titoli librari custoditi”.

Al termine della cerimonia, Sergio Palomba ha intervistato Adduce, la Olivetti e l’assessore comunale alla Cultura, Bergantino.