Pedopornografia online, scoperti video di abusi su bimbi piccoli: blitz anche a Bari e Foggia

Ci sono anche le città di Bari e Foggia nell’operazione sulla pedopornografia online denominata Tabù, coordinata dalla Procura distrettuale di Catania, che in tutta Italia ha portato all’arresto di nove persone.

L’indagine, condotta dal centro operativo per la sicurezza cibernetica della polizia postale della città siciliana, ha consentito di indagare 26 persone per detenzione e divulgazione di materiale pedo-porpornografico, sottoposte a perquisizioni personali e informatiche. Le investigazioni hanno avuto inizio dall’analisi informatica su alcuni dispositivi elettronici sequestrati a un indagato, arrestato mesi fa per lo stesso reato. All’interno di una piattaforma di messaggistica, sono stati trovati gruppi dediti allo scambio di immagini e video raccapriccianti, con abusi anche su bambini piccolissimi. Meticolose e complesse indagini, anche di natura estremamente tecnica, hanno portato all’identificazione dei soggetti attivi sui gruppi, nei confronti dei quali la Procura ha emesso provvedimenti di perquisizione personale. Le altre perquisizioni hanno riguardato Roma, Milano, Brescia, Varese, Bergamo, Catanzaro, Torino, Cuneo, Genova, Imperia, Avellino, ma anche Livorno, Prato, Ravenna, Ascoli Piceno. Gli arrestati risiedono nelle province di Catania, Roma, Firenze, Milano, Bergamo, Ravenna, Varese e Imperia.