La Cassazione annulla condanna per ex sindaco di Margherita Di Savoia Camporeale e per il vice Barra. Gli avvocati: “Si chiude una vicenda kafkiana”

La Cassazione ha annullato la condanna in appello a nove e a quattro anni di reclusione nei confronti dell’ex sindaco di Margherita di Savoia, Salvatore Camporeale e del suo vice, Giuseppe Barra, con l’accusa di concussione e peculato. I due erano stati assolti in primo grado e poi condannati in appello. Soddisfazione è stata espressa dagli avvocati difensori.
“Dopo 17 anni si chiude definitivamente una vicenda kafkiana – dicono- partita con gli arresti annullati dal tribunale del riesame per mancanza di indizi, proseguita con la sentenza di assoluzione in primo grado, continuata con la incredibile sentenza di condanna in appello , a cui, conclusivamente ,la Cassazione ha posto radicale rimedio , annullandola addirittura senza rinvio e così definitivamente”: queste le dichiarazioni degli avvocati Roberto Eustachio Sisto, Fabio de Feo, Nicola De Fuoco, Roberto Di Marzo e Piervito Castiglione Minischetti, tutti dello “studio FPS”, difensori a vario titolo dei due imputati assolti.