Operazione anti-usura a Taranto e Lecce: arresti e sequestri per oltre 415 mila euro

Intervento della Guardia di Finanza contro pratiche usurarie nel settore dei latticini e della pasticceria

Sette persone sono state colpite da misure cautelari e beni per oltre 415 mila euro sono stati sequestrati in un’operazione della Guardia di Finanza contro l’usura e il riciclaggio in Puglia

La Guardia di Finanza di Taranto, con il supporto di unità cinofile e militari da diverse sedi, ha eseguito un’importante operazione anti-usura che ha portato all’applicazione di misure cautelari personali nei confronti di sette individui, cinque dei quali detenuti in carcere e due agli arresti domiciliari. L’azione ha avuto luogo anche grazie al contributo delle unità cinofile “cash dog” e si è concentrata sulle province di Taranto e Lecce.

L’ordinanza, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Taranto su richiesta della Procura locale, prevede anche il sequestro preventivo di beni per un valore superiore a 415 mila euro. Gli indagati sono sospettati di associazione a delinquere, usura aggravata, estorsione, riciclaggio e autoriciclaggio, oltre al trasferimento fraudolento di valori.

Le indagini, iniziate nel 2021 e costantemente coordinate dalla Procura di Taranto, hanno messo in luce una rete di usura che coinvolgeva imprenditori in difficoltà finanziaria, operanti principalmente nel settore dei latticini e della pasticceria fresca. Ai soggetti in questione venivano offerti prestiti a tassi esorbitanti, che in alcuni casi hanno raggiunto il 354%.

Le operazioni di riciclaggio e autoriciclaggio emerse durante le indagini coinvolgevano transazioni commerciali fittizie e l’emissione di fatture per operazioni inesistenti, legate a imprese attive nella ristorazione, nella distribuzione alimentare e nella fornitura di arredi per ufficio. Alcuni degli indagati avrebbero inoltre trasferito attività commerciali a prestanome per facilitare i reati di riciclaggio.

L’intervento ha incluso anche perquisizioni personali e locali in sedici siti, interessando individui residenti in vari comuni delle province di Taranto e Lecce. Questa operazione sottolinea l’impegno continuo delle forze dell’ordine nel contrastare fenomeni di usura e riciclaggio, proteggendo così l’economia legale e il tessuto imprenditoriale locale.

Il servizio di Maria Cristina De Carlo