Incidente mortale in Puglia a causa dei cinghiali

Emergenza cinghiali in Puglia: una vita persa e appelli per azioni immediate

Un tragico incidente ha causato la morte di una donna a Ginosa, in Puglia, dopo un tamponamento causato dalla presenza di un cinghiale sulla strada. Un secondo incidente, fortunatamente senza gravi conseguenze, è avvenuto sulla strada provinciale 13. La Cia Agricoltori Italiani di Puglia denuncia da tempo l’emergenza cinghiali e la necessità di interventi urgenti.

Nella serata del 3 febbraio, sulla strada statale 580 tra Ginosa e Marina di Ginosa, si è verificato un fatale incidente dovuto alla presenza di un cinghiale, che ha portato alla morte di una donna di 48 anni dopo un tamponamento con un furgone. Questo incidente non è un caso isolato: la regione ha assistito a diversi episodi simili negli ultimi mesi, evidenziando una crescente emergenza cinghiali.

Vito Rubino, direttore dell’area Due Mari Taranto-Brindisi, e Gennaro Sicolo, presidente di Cia Agricoltori di Puglia, hanno sottolineato l’urgenza di azioni concrete per affrontare questa problematica. Le lungaggini burocratiche hanno finora impedito l’avvio delle attività di abbattimento selettivo, nonostante la chiusura dell’attività venatoria ordinaria il 15 gennaio abbia fatto sì che i cinghiali si spostassero nuovamente verso i centri abitati.

La Cia Agricoltori Italiani di Puglia chiede risposte immediate e concrete da parte delle autorità a livello regionale e nazionale, sottolineando la necessità di dare vigore al piano di abbattimento varato dalla Regione Puglia e di ottenere modifiche legislative per gestire efficacemente la situazione. La tragedia è stata fortemente sentita dalla comunità, e le condoglianze sono state espresse alla famiglia della vittima, con un rinnovato impegno a far sentire la voce dell’associazione per prevenire ulteriori tragedie.